Regolazioni di accessibilità

Giovedì, 28 Aprile 2022 15:36

ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO DA PARTE DI ELETTORI AFFETTI DA GRAVI INFERMITÀ

Gli elettori fisicamente impediti ad esprimere autonomamente il voto possono esercitare tale diritto con l'assistenza di un elettore della propria famiglia o di altro elettore liberamente scelto, purché iscritti nelle liste elettorali in un qualsiasi Comune della Repubblica. Sono da considerarsi fisicamente impediti i ciechi, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o altro impedimento di analoga gravità.

Quando l'impedimento non sia evidente, esso potrà essere dimostrato con un certificato dal funzionario medico designato dalla competente Autorità Sanitaria Locale. L'impedimento fisico, in ogni caso, deve essere riconducibile alla capacità visiva dell'elettore oppure al movimento degli arti superiori, essendo escluse le infermità che influiscono sulla sfera psichica dell'elettore. Coloro che siano in possesso di libretto nominativo rilasciato dal Ministero dell'Interno in favore di ciechi civili per cecità assoluta ovvero siano titolari di tessera elettorale su cui è già stato apposto il simbolo o codice per il diritto di voto assistito non necessitano di alcuna certificazione medica.

Pertanto, per gli elettori del Comune che necessitano di assistenza in cabina, è possibile presentare una richiesta all’Ufficio elettorale, per ottenere l’annotazione permanente del diritto di voto assistito mediante l’apposizione di un corrispondente simbolo sulla tessera elettorale; tale richiesta deve essere corredata da certificato medico designato, dalla competente A.S.L., attestante l’impossibilità da parte dell’elettore di esercitare autonomamente il diritto di voto.

Download allegati:
Letto 211 volte Ultimo aggiornamento: Martedì, 17 Maggio 2022 10:08
Torna all'inizio del contenuto